Cos’è il Fondo Nuove Competenze?

Il Fondo Nuove Competenze, in gestione ad ANPAL, promuove la produttività delle imprese attraverso la formazione del personale e favorisce il mantenimento occupazionale dei lavoratori. Destinatarie sono le imprese che, a seguito dell’emergenza Covid-19, hanno necessità di ridurre temporaneamente l’orario di lavoro dei propri dipendenti, per fare fronte a mutate esigenze organizzative e produttive.

Le ore di lavoro dedicate alla formazione saranno totalmente a carico dello Stato: il lavoratore potrà beneficiare di ore di formazione (fino a 250) per aggiornare le proprie competenze legate alle attività aziendali, senza rinunciare a parte della contribuzione (come accade invece per la cassa integrazione).

Fondo Nuove Competenze - formazione per i lavoratori

Come funziona?

Prima dell’invio della domanda, è necessaria la sottoscrizione di accordi sindacali preventivi, che devono essere stipulati entro il 31 dicembre 2020.  Il requisito essenziale per l’accesso è la sottoscrizione di un accordo collettivo tra le parti coinvolte che dovrà individuare i fabbisogni dei dipendenti in termini di nuove o maggiori competenze in ottica dell’introduzione di innovazioni organizzative, tecnologiche, di processo di prodotto o servizi in risposta alle mutate esigenze produttive dell’impresa. Il Fondo Nuove Competenze può anche essere utilizzo in ottica di ricollocazione o riqualificazione dei lavoratori.

Costi Ammissibili

Il Fondo Nuove Competenze copre gli oneri relativi alle ore di formazione, comprensivi dei relativi contributi previdenziali e assistenziali e può essere utilizzato anche per favorire la realizzazione di percorsi di ricollocazione dei lavoratori.

Destinatari e requisiti

Possono accedere al Fondo Nuove Competenze tutti i datori di lavoro del settore privato. Il requisito essenziale per l’accesso è la sottoscrizione di intese tra le parti coinvolte.

Come sottolinea ANPAL, il patto deve contenere i seguenti elementi:

  • realizzazione di progetti formativi;
  • numero di lavoratori coinvolti nell’intervento;
  • numero di ore dell’orario di lavoro, fino ad un massimo di 250 ore per dipendente, da destinare a percorsi per lo sviluppo delle competenze.

Tempistiche e Scadenze

I contributi possono essere richiesti dai datori di lavoro sulla base di accordi collettivi fino al 31 dicembre 2020 e verranno valutati da ANPAL secondo l’ordine cronologico di presentazione. I percorsi formativi possono protrarsi oltre il 31 dicembre 2020 a patto che la domanda sia stata presentata nel rispetto della scadenza prefissata.

Entro 90 giorni dall’approvazione dell’istanza da parte dell’ANPAL le imprese dovranno concludere i percorsi formativi. Il limite temporale si allunga a 120 giorni se sono coinvolti anche Fondi interprofessionali.

Kinetikon per il Fondo Nuove Competenze

Kinetikon ti offre un’assistenza completa in tutte le fasi di analisi dei fabbisogni, stesura del piano di sviluppo, pianificazione del processo formativo e delle sue modalità, erogazione delle attività e monitoraggio.